<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=364200850964801&amp;ev=PageView&amp;noscript=1"> Come trasformare un sistema MRP in un Demand Driven MRP
  Select your location
Austria

Austria

Czech Republic

Czech Republic

Germany

Germany

Italy

Italy

The Netherlands

The Netherlands

Romania

Romania

Come trasformare un sistema MRP in un Demand Driven MRP

HeaderArtMyPlanDemandDrivenMRP2 

La Web App myPlan4.0 di Cegeka è stata recentemente ampliata aggiungendo alle funzionalità tipiche di un sistema di Advanced Planning and Scheduling quelle che consentono di trasformare un MRP in un Demand Driven MRP.

In questo articolo vengono illustrate le nuove funzionalità che sono state aggiunte e che possono essere usate da coloro che vogliono avviarsi con gradualità a questo tipo di gestione. Il termine gradualità è d’obbligo in quanto per sua natura le logiche DDMRP potranno essere applicate a una serie di items crescente con il passare del tempo ma senza arrivare mai a una copertura del 100% dei codici gestiti dall'azienda. Ciò significa che le logiche MRP tradizionali dovranno essere sempre presenti, abbinate a quelle DDMRP.

Scarica l'ebook gratuito "Il production planning nell'industria 4.0: inizia l'era degli algoritmi"

Come è noto, trasformare un sistema MRP in un DDMRP significa cercare di integrare all’interno delle logiche MRP alcune logiche tipiche della Lean Manufacturing e in particolare le logiche Kanban di gestione delle scorte. Il sistema risultante sarà un misto di logiche Push e Pull in relazione alle caratteristiche gestionali di ripetitività, lead time e incertezza nell’approvvigionamento e dei consumi di ogni singolo Item.

In linea teorica sono molte le aziende che possono trovare interessante l’applicazione delle logiche DDMRP e in particolare:

  • le aziende che producono MTS
  • le aziende che producono con logiche ATO, MTO e ETO ma che hanno una certa ripetitività nei consumi di una parte consistente di semilavorati e/o materie prime

Sempre in linea teorica l’applicazione delle logiche DDMRP dovrebbe portare a due vantaggi principali:

  • una minore nervosità del piano produttivo, in quanto la modalità di gestione delle scorte in questo sistema ha maggiori funzioni di ammortizzatore rispetto all'uso delle scorte di sicurezza in un sistema MRP classico. Maggiore stabilità produttiva significa, come ben noto, maggiore efficienza
  • una maggiore velocità di consegna per via del fatto che l’introduzione di punti di disaccoppiamento nel processo può consentire di ridurre il lead time cumulativo lungo il cammino critico dei processi.
Funzionalità 

Le funzionalità che trasformano un sistema MRP in un sistema DDMRP sono diverse. Tra queste illustreremo quelle le più importanti. Spetta al lettore capire se questo sistema può fare al suo caso:

  1. Individuazione degli articoli DDMRP
    Gli items che possono essere gestiti con logiche DDMRP devono essere contrassegnati da questa modalità di gestione, in modo da essere distinti da items gestibili con altre modalità (MRP, Punto d’ordine, ecc). La loro individuazione avverrà innanzitutto in base alle loro caratteristiche di ripetitività dei consumi, ad esempio attraverso la cosiddetta analisi XYZ, e di valore, attraverso una analisi tipo ABC. Anche i lead time possono condizionare questa analisi.
  2. Calcolo del Lead Time cumulato
    Per ogni item gestito con modalità DDMRP deve essere calcolato il lead time cumulato, dato dalla somma dei lead time di ogni items (quelli usati dal MRP) lungo il cammino critico della struttura della distinta base (in questa esplosione ogni parte di tipo DDMRP verrà ignorata insieme ai suoi figli). Il lead time cumulato corrisponde al tempo di produzione o di approvvigionamento dell’Item DDMRP.
  3. Calcolo delle zone di controllo
    Sulla base dei dati di consumo medio e di varianza dei consumi dell’item, di lead time cumulato e di quantità minima da ordinare, vengono calcolati tre livelli di scorta: un livello verde che corrisponde al massimo di scorta che si può accumulare, un livello giallo che corrisponde a un livello di riordino, un livello rosso che corrisponde a un livello di criticità. Le formule matematiche di calcolo sono più o meno le stesse utilizzate nei vecchi sistemi di gestione a scorta del tipo scorta minima-scorta massima. Possibile anche limitarsi a due soli livelli di scorta semplificando così i calcoli e la manutenzione dei dati. 
  4. Calcolo della posizione di flusso netta
    Con questo termine indichiamo una certa disponibilità dell’item; è calcolata come la scorta esistente in quell'istante meno la cosiddetta domanda qualificata. Il concetto di domanda qualificata considera sia gli ordini/impegni già scaduti sia quelli in un certo orizzonte futuro ed entro certi limiti di dimensione. Il calcolo della domanda qualificata assume particolare importanza in questo tipo di sistemi.
  5. Emissione degli ordini pianificati 
    Per ogni Item gestito a DDMRP l’emissione di un ordine avviene in base al confronto tra le zone di controllo e la posizione di flusso netta. Ciò ne determinerà la quantità, mentre il lead time cumulato viene usato per per calcolarne la data di consegna.
  6. Priorità degli ordini
    Per gli ordini emessi in modalità DDMRP, la loro priorità sarà data dal confronto delle scorte rispetto alle sue zone di controllo, normalmente tradotto in %.
  7. Calcolo MRP
    Per ogni Item DDMRP dovrà essere eseguito un processo MRP con modalità classiche esplodendo la sua struttura di distinta, con esclusione degli item DDMRP che vi compaiono e dei loro figli. Come nel processo MRP tradizionale anche in questo caso si procederà per livelli minimi. Alla fine dell’intero processo di pianificazione si otterranno dunque sia ordini pianificati con modalità MRP sia ordini con modalità DDMRP in base alla classificazione degli Items.
  8. Ricalcolo dei parametri
    Tutti i parametri di cui si è parlato dovranno essere sottoposti ad un aggiornamento periodico automatico da parte del sistema per evitare che il sistema non si adatti alle varizioni condizione della domanda e del sistema di produzione e approvvigionamento.

myPlan4.0 DDMRP

myPlan4.0 è una Web App sviluppata da Cegeka. La duplice esperienza maturata da Cegeka da oltre 20 anni sia come implementatrice di sistemi ERP Microsoft Dynamics sia nello sviluppo di sistemi di Advanced Planning & Scheduling, ha consentito di sviluppare una serie di funzionalità che integrano le funzionalità native degli ERP e consentono a questi di raggiungere notevoli prestazioni per quanto concerne la gestione dei processi logistici, produttivi e di approvvigionamento.

myPlan4.0 dispone al suo interno di un sistema fast full pegging MRP che include tutte le funzionalità MRP classiche e le funzionalità sopra illustrate che consentono di trasformare un MRP in un DDMRP. myPlan4.0 mette inoltre a disposizione tante altre funzionalità non illustrate in questa nota ma che possono essere ugualmente di interesse. Tra queste la Microsoft Power BI embedded, le funzionalità di Sales and Operations Planning, MPS, CRP e Scheduling in aggiunta a diversi algoritmi di ottimizzazione della produzione e dei trasporti. , rilievo dati dal campo (MES) e tante altre di maggiore dettaglio.

Se sei curioso di capire come poter migliorare tutte le fasi della programmazione - dalla pianificazione allo scheduling, fino all’ottimizzazione - ti invitiamo a scoprire tutti i vantaggi di Cegeka myPlan 4.0 nell’eBook "Il production planning nell'industria 4.0: inizia l'era degli algoritmi".

Cegeka | Il production planning nell’Industria 4.0: inizia l’era degli algoritmi