Select your location
Austria

Austria

Czech Republic

Czech Republic

Germany

Germany

Italy

Italy

The Netherlands

The Netherlands

Romania

Romania

Legnano Teknoelectric Company

Maggiore flessibilità e facilità di  integrazione del sistema gestionale grazie all'evoluzione da Microsoft Dynamics NAV a Dynamics 365 Business Central,

Qual è stato il valore aggiunto dell’intero progetto di upgrade a Business Central? Il ruolo proattivo rivestito da Cegeka dall’inizio alla fine.

Gianluigi Bertelli - Amministratore Delegato, LTC

Industry:  Manufacturing


Legnano Teknoelectric Company (LTC) è un’azienda che opera da oltre 60 anni nel settore della lavorazione del lamierino magnetico per produzione di nuclei magnetici per trasformatori elettrici. Fondata e guidata dalla famiglia Bertelli, ad oggi gestisce l'intero ciclo produttivo (dall’acquisto delle materie prime ai prodotti finiti) e impiega oltre 500 collaboratori in sei diverse unità produttive, di cui cinque nell'area metropolitana di Milano (Legnano) e una a Dubai (Emirati Arabi Uniti).

Per un’azienda come LTC, crescita e innovazione sono intrinsecamente legati alla stabilità e alla flessibilità dei processi ERP. Investire nelle persone e nella qualità dei prodotti sono sempre stati i capisaldi della filosofia dell’azienda lombarda che, da sempre attenta all’innovazione tecnologica, considera cruciale potersi affidare ad un sistema gestionale che rappresenti il giusto mix di flessibilità e capacità di integrazione con l’ecosistema esistente di applicativi aziendali.

Ed è proprio puntando sulla flessibilità che LTC ha scelto la soluzione Microsoft Dynamics NAV: “Quando ho incontrato Cegeka e siamo passati a NAV – spiega Gianluigi Bertelli, uno degli Amministratori di LTC – l’ho fatto con la consapevolezza che la roadmap disegnata da Microsoft si sposasse appieno con la nostra filosofia. Vale a dire: mantenimento dell’interoperabilità nel tempo, garanzia di flessibilità e soprattutto integrazione con tutto l’ambiente Microsoft e non”

La continuità garantita dalla roadmap ha convinto LTC ad intraprendere con Cegeka un percorso di upgrade alla più recente versione dell’ERP Microsoft, Dynamics 365 Business Central. Ma la continuità non è stata l’unica ragione: “Il progetto di passaggio a Business Central – prosegue Bertelli – rappresenta una mossa strategica ben precisa. In azienda abbiamo già molti strumenti diversi, abbiamo sempre scelto la migliore soluzione per ogni specifico ambito, a prescindere dal brand. Business Central ci permetterà non solo di automatizzare molte attività manuali ma anche di facilitare ed aumentare lo scambio di informazioni tra soluzioni diverse attuali e future”.

La fabbrica virtuale

L’attenzione all’evoluzione digitale da parte di LTC rientra all’interno di una visione ad ampio spettro che non si limita all’aggiornamento periodico delle applicazioni aziendali ma include un approccio strategico a lungo termine che abbraccia il cloud e la scalabilità dei processi. “Un concetto che non è sempre facile da far passare in azienda – chiarisce Bertelli – è quello di «fabbrica virtuale». Mi spiego, è chiaro che la produzione debba stare in un posto fisico e che i materiali debbano trovarsi vicino alle macchine ma qualsiasi altro servizio può essere virtualizzato e/o remotizzato. Oggi so che se domani mattina volessi aprire un’unità produttiva in qualsiasi parte del mondo avremmo minori difficolta oltre ad una maggiore velocità di implementazione. Perché sarei in grado di attivare ed avere il sistema ERP pronto e operativo al 100%. Inoltre, il trasferimento del know-how da un site all’altro è reso più semplice ed il tempo dedicato alla formazione del personale risulta drasticamente diminuito.”

LTC_plant

Ivan Chillon, IT manager di LTC, è convinto che puntare sulla completa integrazione sia l’unica scelta possibile: “C’è voglia di consolidamento verso un unico punto centrale. Business Central, in questo senso, credo che sia una scelta obbligata. Se penso ad esempio a tutto il mondo Office 365 o alla Business Intelligence che già abbiamo implementato in casa con un know-how interno o ancora alla parte di SharePoint, insomma a tutto il parco applicativo, siamo sicuri che con Business Central tutte le soluzioni possano dare molto di più. Poi noi abbiamo già gran parte dei servizi in cloud, sposiamo l’integrazione massima all’interno di un’unica piattaforma ma siamo anche convinti che una buona potenza interna sia necessaria. Quindi cloud ibrido. Una scelta dettata anche dal completo rinnovo dell’infrastruttura (Italia – Dubai) con sistemi di ultima tecnologia (iperconvergenti)”.

All’interno di questo contesto digitale, Microsoft Dynamics 365 Business Central si innesta come fattore abilitante e strumento di gestione aziendale a 360°. Un sistema scalabile e flessibile che permette di adattarsi agilmente in funzione dei vincoli esterni. Un’azienda da sola può governare tutte quelle variabili legate alla propria strategia interna ma è solo grazie a un sistema gestionale solido come Business Central che può gestire le variabili esterne in maniera flessibile e rispondere velocemente alle richieste in continuo cambiamento del mercato.”

Un ERP per il futuro

“Cosa ci aspettiamo da Business Central? Una User Experience che semplifichi gli strumenti di lavoro – spiega Bertelli – in modo da avere una piattaforma che risulti unica lato operatore ma che si componga di tanti pezzettini specializzati. Dovremo anche essere bravi noi a saper sfruttare appieno le potenzialità della soluzione, naturalmente. Anche a livello progettuale, non penso solo agli uffici ma anche alla produzione, al futuro che ci si aspetta in ambito IoT. Nel 2022 ci sarà probabilmente un’esplosione dei servizi ioT. Mi riferisco a tecnologie come il 5G che verrà messo a disposizione delle aziende per collegare tutta la sensoristica, tutti i rilevatori che andranno a sostituire quelli che sono oggi i canali tradizionali di scambio informazioni. Dovremo pensare ad una fabbrica nuova e a processi nuovi e ritengo che Business Central ci darà una mano molto importante, ma sarà anche fondamentale aumentare la professionalità e le competenze all’interno dell’azienda. Noi intanto continuiamo a crescere e cambiare. Infatti, tutti i recenti investimenti in asset aziendali sono “Industira 4.0 compliant”, ed è un percorso in continua evoluzione.”

Cegeka ha sviluppato con LTC un percorso di envisioning e di desgin delle soluzioni, sfruttando il mondo Microsoft e adottando un approccio process-oriented. L’obiettivo era quello di disegnare un progetto che potesse poi essere anche replicato, clonato facilmente per tutti i siti aziendali in tutto il mondo.

Le sfide

Il Change Management è uno degli aspetti più complessi di qualsiasi progetto, soprattutto quando si tratta di introdurre nuove tecnologie e più efficienti modalità di lavoro. La resistenza al cambiamento da parte del personale è un fatto comune ma, per quanto prevedibile, tende ad essere sottovalutato con conseguenze spesso pesanti. “La cosa più difficile è il cambio di mentalità – continua l’Amministratore Delegato –. Accompagnare le persone attraverso il cambiamento, quindi la parte umana. Grazie a Cegeka e alla sue competenze siamo riusciti a gestire al meglio tutto questo, superando quello che era forse l’ostacolo più grosso. L’altro ostacolo è che, con l’aumento di tutti questi strumenti, c’è bisogno di una competenza molto spinta all’interno dell’azienda. Una competenza legata ai vari settori… ma non parlo degli sviluppatori anche degli end-user. Io sono convinto che l’ambiente che abbiamo e gli strumenti di posta elettronica, Power BI, NAV, Microsoft Planner, Workflow ecc. li usiamo non più del 5%/8% rispetto alle potenzialità che hanno in realtà. Perché le persone non sanno come sfruttare al meglio lo strumento che usano tutti i giorni. Questa è un’altra grande sfida”.

“La frase «L’abbiamo sempre fatto così» e “È impossibile” è stata bandita da tutti gli uffici” afferma Ivan Chillon secondo cui anche il migliore degli strumenti è inutile se non utilizzato correttamente, ed è per questo che LTC ha investito anche nella formazione di tutti i propri dipendenti.

Il valore aggiunto

Qual è stato il valore aggiunto dell’intero progetto di upgrade a Business Central? Il ruolo proattivo rivestito da Cegeka dall’inizio alla fine. “Io non voglio più un fornitore che mi dica «Dimmi quello che vuoi e io te lo faccio», – conclude Gianluigi Bertelli –  perché vuol dire che non mi stai dando alcun valore aggiunto. Io ho bisogno di un partner che mi indichi il percorso migliore e che mi mostri quali sono i benefici concreti insegnandomi ad utilizzare gli strumenti secondo le nostre necessità. Cegeka è quel partner. Dall’inventario alla produzione dei reparti, siamo sicuri che con la maggiore integrazione con il pacchetto Office 365 sarà possibile ottenere performance migliori in termini di analisi dati. Inoltre, siccome si tratta di un sistema web-based, potremo contare su una maggiore flessibilità e diffusione all’interno della factory.
Cegeka ha sviluppato con LTC un percorso di envisioning e poi anche di desgin delle soluzioni, sfruttando il mondo Microsoft e adottando un approccio process-oriented. L’obiettivo era quello di disegnare un progetto che potesse poi essere anche replicato, clonato facilmente per tutti i siti aziendali in tutto il mondo.

Flessibilità e massima integrazione del nuovo Dynamics 365 Business Central con tutto il parco esistente di applicativi aziendali.

Esigenze

  • ERP integrato con tutti gli strumenti aziendali
  • Maggiore flessibilità
  • Scalabilità della soluzione
  • User Experience semplificata
  • Replicabilità della soluzione

Benefici

  • Tempi di risposta ridotti al minimo
  • Unico sistema centrale integrato
  • Piattaforma tecnologica potente e future-proof
  • Perfetta gestione del Change Management
  • Velocità nella gestione del business


Tecnologia

Microsoft Dynamics 365 Business Central